Al mio sognatore con i piedi a terra

La vita, si sa, è fatta di scelte.

Scelte quotidiane come cosa mangiare per cena o dove andare a bere con gli amici e scelte un po’ più complicate.

Una cosa che ho imparato negli anni è che la decisione più difficile da prendere è quella se restare o meno accanto ad una persona.

Parliamoci chiaro, viviamo in tempi dove le persone che incontriamo, spesso altro non sono che delle comparse nella nostra vita e questo fa paura, ci fa sentire fragili, spaesati ed insicuri.

Io so di essere una donna molto fortunata, forse la donna più fortunata al mondo perchè, nel mio piccolo, so di poter contare su qualcuno, di avere la possibilità di compiere liberamente le mie scelte e di trovare sempre una mano pronta a tirarmi su in caso io cada.

IMG-20160515-WA0001

C’è una persona che nel corso degli ultimi dieci anni, pur essendo spesso rimasta per sua volontà nell’ombra, mi ha fatto da spalla, da complice, da amico e da partner nell’elaborazione di crudeli piani di vendetta ( che poi, poveretto, lui cerca sempre di placare il mio animo bellicoso!).

Marco l’ho conosciuto un fine agosto di tanti anni fa quando entrambi eravamo poco più che dei bambini.

Io un’amicizia come la nostra la auguro a chiunque. Tutti dovrebbero avere una persona su cui poter sempre contare e con cui il “per sempre” non faccia paura ma sia solo il nome di un nuovo percorso da affrontare insieme. Senza dubbio anche il nostro non è stato un cammino semplice, anche noi abbiamo avuto i nostri momenti di up e down ma so per certo che, se per un solo giorno, uno di noi due, non ci avesse creduto, oggi non saremmo qui.

Quando dico che Marco è il mio grande uomo è perchè alle nostre spalle ci sono anni di complicità, risate, confidenze e pianti condivisi sottovoce, spesso in  silenzio, senza che gli altri sapessero, imparando a conoscerci nel profondo, senza smania, senza boria, solo con la voglia di esserci l’uno per l’altra.

Oggi so che non sarei quella che sono e lui quel che è se non ci fosse un “noi”.

Io con lui ho capito per la prima volta nella mia vita, cosa significhi decidere di rischiare il tutto per tutto, di giocare alla roulette il proprio cuore e la propria testa, decidere, per l’appunto, di restare accanto a qualcuno, costi quel che costi.

IMG-20160515-WA0002

Non crediate che non ci siano stati momenti in cui gli avrei urlato in faccia che non lo sopportavo più o momenti in cui non ci siam tenuti il muso per qualcosa, magari anche per una sciocchezza, ma alla fine siam sempre tornati sui nostri passi chiedendo perdono.

Già, chiedere “scusa”, questa sembra un’altra delle cose difficili dei nostri tempi. Partiamo tutti dall’idea di esser infallibili e di non doverci mai rammaricare per i nostri sbagli.

Nella vita non è tutto dovuto, per quanto grandi possano essere le nostre aspettative, bisogna sempre far i conti con la realtà e questa può anche deluderci.

La vita sa dare, sa regalare tanto a chi ha il coraggio di mettersi in gioco ma si sa, chi gioca, a volte, può anche perdere e in certi casi, l’importante è non cader mai da soli.

Io con Marco ho sempre avuto l’impressione di parlare con un’altra me, una me migliore, più saggia, pacata e matura.

Marco mi sa capire, sa interpretare i miei silenzi, i miei bronci, le mie speranze e i miei sogni. A volte non ho nemmeno bisogno di spender tante parole perchè lui c’è e capisce, comprende e non giudica, non punta il dito, semplicemente rimane e questa presenza costante e silenziosa è la cosa per cui gli sono più grata.

IMG-20160515-WA0000

Marco, il mio Marco, arrivati a questo punto dell’articolo, sarò rosso dall’imbarazzo per quella sua amica tutta cuore che parla così, pubblicamente, di loro.

Ma una cosa devi saperla tesoro mio, come ti dissi anni fa, per capire quanto tu valga, dovresti guardarti per un attimo con i miei occhi.

La bambina che ero, la ragazzina che sono stata e la donna che oggi mi appresto ad essere, sono da sempre legate a te con un filo indissolubile che mi spinge a disegnare insieme il nostro percorso, a credere che tra dieci anni noi saremo ancora qui, diversi, cambiati, magari con meno problemi, magari finalmente con il grande amore, ma noi saremo qui e ad oggi, credetemi, non potrei aver sogno più grande.

A Marco, perché finché ti sento nell’anima non c’è pericolo.

Soraya Galfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *