Come nasce una canzone? Ecco i video con la risposta

Facebookgoogle_plusinstagrammail

Un recente studio di una prestigiosa università della California ha dimostrato che la domanda che i figli pongono più spesso ai genitori è “Mamma/Papà, come nasce una canzone?”.

Quanto avete appena letto non è vero, ma è funzionale a introdurre quanto vi descriverò oggi, perché questa domanda sicuramente se la sono fatta i ragazzi della Necos, agenzia di produzione di contenuti multimediali, che hanno inventato Kahbum – La serie, un interessantissimo format di Youtube a tema musicale nato lo scorso anno e che ha riscosso consensi e interesse nel mondo della musica.

k_logo_fondo_bianco

Così funziona una puntata di Kahbum: a due musicisti, uomini o donne, solisti o presi in prestito da un gruppo, viene dato un titolo (che può essere una parola, un nome proprio o una frase intera) e da quel momento hanno 90 minuti per scrivere musica e testo di una nuova canzone con una persona che magari non hanno mai visto.                                                   Il risultato di questo esperimento è stato, per ora, una “prima stagione” di 12 puntate, tutte scorrevoli, molto veloci (con i dovuti tagli, le puntate durano tra i 4 e gli 8 minuti) e con canzoni più o meno riuscite. Ogni musico coinvolto porta sé stesso, la sua capacità compositiva e il suo strumento, così oltre al classico duetto voce-chitarra, si possono vedere collaborazioni trombone-chitarra, arpa-tastiera e altri che non vi svelo per non rovinarvi la sorpresa.

alcuni dei partecipanti

I temi sono i più vari, anche abbastanza assurdi , sicuramente troverete QUELLA canzone che vi farà dire “avrei voluto scriverla io” ma non avete mai avuto la genialità (o le capacità tecniche, sigh) per farlo. Alcuni dei titoli dei pezzi nati nella prima stagione (e grazie alla magia di internet se ci cliccate sopra potete anche sentirli) : ”Sei come il glutine”, “Se mi fai uno squillo ed io ti richiamo non puoi non rispondere”, “Salvatore Aranzulla

x310188_10150294165022740_611612739_8037918_694847103_n-jpg-pagespeed-ic-ebb4goi3he
Salvatore Aranzulla

Forti del consenso ottenuto, vincendo anche un premio al MEI (il Meeting delle Etichette Indipendenti) come miglior canale Youtube a tema musicale e grazie a una campagna di Crowdfunding portata a termine con successo, lo staff Kahbum sta lavorando alla seconda stagione di video e ha già avviato una attività parallela a quella online e che è la naturale evoluzione di quanto fatto fino ad ora: Tutti per uno. Questa tipologia è diversa dall’originale ma ugualmente interessante: dieci giorni prima della serata organizzata a tre artisti viene dato il titolo su cui dovranno scrivere il proprio pezzo; durante la sera designata dovranno eseguire il brano per la prima volta, in un locale e davanti a un pubblico. Si ascolteranno dunque tre canzoni diverse con lo stesso titolo.

Pertanto, in attesa di nuove canzoni, sostenete questo progetto! Condividete, ascoltate; se siete a Roma andate alle serate organizzate al Lanificio 159 (maggiori dettagli qui) e ricordatevi che tutti questi artisti non nascono con questi video ma hanno tanto altro da dire e tanta buona musica da condividere con voi!

“Se la musica fosse un paesino Kahbum sarebbe il bar.”

P.s per i curiosi (cito dal sito ufficiale)

“Kahbum è una parola tibetana che vuol dire 10.000 parole”.

Andrea Aiolfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *