UEFA Champions League: un inno da conoscere

1992: la massima competizione di calcio europea, la cosiddetta Coppa dei Campioni, viene ridenominata Champions League. Da allora ci sono state diverse modifiche riguardanti le modalità di qualificazione e le diverse fasi del torneo. Dal ’92 a oggi una sola costante: l’inno della competizione che risuona prima di ogni gara ufficiale.

european-championship-1454167_960_720.jpg

Per un vero appassionato di calcio, la scena dell’inno della Champions, in uno stadio pieno di tifosi che cantano, con i giocatori fermi a centrocampo prima del fischio d’inizio, è da brividi, quasi come il You’ll never walk alone cantato ad Anfield. In realtà, però, di questo inno non si sa molto: durante le partite della competizione viene suonato solo il ritornello. L’inno della Champions League è stato scritto da Tony Britten nel 1992 e si basa sull’inno della cerimonia di incoronazione Zadok the Priest di G.F.Handel. La peculiarità di questa canzone lirica è il plurilinguismo presente all’interno del suo testo, scritto infatti in tre lingue diverse: inglese, francese e tedesco (le tre lingue ufficiali dell’UEFA). In occasione delle finali della competizione viene inserita anche la lingua dello stato che ospita la partita.

All’interno dell’inno mancano per esempio le strofe in italiano e in spagnolo, nonostante Italia e Spagna siano da sempre nei piani alti del Ranking Uefa, protagoniste per le moltissime vittorie nella competizione. Ma qual è il contenuto dell’Inno? Trattasi sostanzialmente un grande elogio alla competizione, definita come un grande evento sportivo dove sono presenti i migliori club e moltissimi campioni. Dati alla mano, la Champions League è infatti la principale competizione calcistica europea e la più seguita al mondo nel suo genere.

Fc-Barcelona-Atletico-Madrid-Champions-League-1314076.jpg

Negli stadi italiani accade spesso che i tifosi urlino solo il The Champions alla fine della canzone e moltissimi di loro non ne conoscono il testo vero e proprio. Il risuonare di questa musica all’interno degli stadi, però, crea un’atmosfera magica, quasi un gradino sopra la realtà. Un chiaro esempio di ciò è stato il San Paolo di Napoli durante la partita con il Real Madrid, nella quale, alla fine dell’inno, unanime è stato l’urlo dello stadio raccolto in un ‘The Champions!’. Per l’occasione, sono stati addirittura installati dei fonometri all’interno dello stadio per misurare l’intensità di quell’urlo di tifosi.

Puoi seguirla allo stadio, su Premium, in streaming o al bar: ora, quando sentirai risuonare quell’inno ti ricorderai un po’ della sua storia e del suo misterioso testo, fino a oggi quasi sempre improvvisato in grande stile.

Ce sont les meilleures équipes
Sie sind die allerbesten Mannschaften
The main event
Die Meister
Die Besten
Les Grandes Équipes
The Champions
Une grande réunion
Eine große sportliche Veranstaltung
The main event
Ils sont les meilleurs
Sie sind die Besten
These are the champions

Queste sono le migliori squadre
Queste sono le migliori squadre
L’evento principale
I Campioni
I migliori
Le squadre più grandi
I Campioni
Un grande incontro
Un grande evento sportivo
L’evento principale
Loro sono i migliori
Loro sono i migliori
Loro sono i campioni.

Ivan Antozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *