Christian De Sica canta il Natale

Facebookgoogle_plusinstagrammail

Le insegne luminose dei supermercati ce lo ricordano da un mese, ma oggi mancano esattamente due settimane…siamo quasi a Natale.

Con il passare degli anni, le festività natalizie hanno acquisito mille significati e diversi modi di essere interpretate: c’è chi ci vede una festa religiosa, chi un’occasione per ricongiungersi con la sua famiglia lontana kilometri, chi ci vede un mero prodotto del capitalismo e chi un’occasione come un’altra per una vacanzina alle Maldive.

Ma c’è una cosa che accomuna tutti e ci lega indissolubilmente a questo periodo: le canzoni di Natale.

Perché, volenti o nolenti, tutti si ritrovano ad ascoltare Jingle Bells camminando tra i mercatini di Natale o si ritrovano a sentire Bocelli che intona Adeste Fideles, è inevitabile, è una legge non scritta dell’universo.

Dopo il suo divorzio con Massimo Boldi, Christian De Sica, Re della corrente artistica e cinematografica passata alla storia come Cinepanettoni, ha proseguito per la sua strada aggiungendo altri tasselli al mosaico della sua filmografia.. ma non quest’anno! Il comico romano più amato d’Italia ha deciso di tornare sulla scena sfoggiando le sue doti canore a distanza di otto anni dall’ultimo album ufficiale e lo ha fatto pubblicando il 24 novembre un disco di canzoni natalizie dal titolo…Merry Christian. Davvero.

E’ stato fatto anche un video, realizzato dal figlio di Christian, in cui un metallaro vecchio e sovrappeso (che all’inizio del video mi ha ricordato un po’ Bane-Flagello del film Batman & Robin) in crisi di ispirazione trova un vinile con la canzone e, ascoltandolo, si ritrova nel bel mezzo dello show di De Sica che canta una versione rock’n’roll anni 50 di jingle bells con tanto di assolo di chitarra. Concorderete con me che è una scelta artistica bizzarra ma hey, è la magia del Natale.

BaneJS
Lui è Bane

Titolo a parte, com’è l’album?

  1. Camminando nella fantasia
  2. Have Yourself a Merry Little Christmas
  3. Santa Claus domani verrà
  4. Lacreme napulitane
  5. Jingle Bells
  6. A Christmas Love Song
  7. Astro del ciel
  8. Let It Snow
  9. White Christmas
  10. Winter Wonderland
  11. White Christian

Anche questa scelta dei pezzi desta in me qualche perplessità: “Camminando nella fantasia” è l’adattamento in italiano di Winter Wonderland, che viene eseguita nella versione originale più avanti nel disco e, da quello che so, Lacreme Napulitane non è una canzone propriamente natalizia…serve forse per rendere più italiana l’atmosfera del disco molto americana (inevitabile data la scelta delle canzoni)?

Le doti canore di De Sica non si discutono ma, a parte questo, le canzoni non rimangono impresse e niente suggerisce che ci sia qualcosa di diverso dal solito o che faccia dire: “Ah, come è originale questa versione!”. Prabilmente, senza vederlo in copertina non ci si renderebbe nemmeno conto che si parla del nostro caro Christian.

Alcune scelte lasciano perplessi, come ad esempio la versione country di Astro del Ciel e la chiusura del disco White Christian (gli piace proprio questo gioco di parole) che è White Christmas con il testo completamente rivisitato e che si concludo con un sonoro e classico

“Oh, e anche sto Natale ce lo siamo tolto dalle palle”.

Vi invito ad ascoltarlo perché io l’ho trovato veramente terribile, ma magari qualcuno di voi lo salva.

In sintesi

E’ un bel disco? E’ un disco di Natale.

E’ un disco di cui ci ricorderemo? Probabilmente no.

Consiglieresti l’ascolto? Sì perché comunque le canzoni di Natale sono sempre belle e questo disco ti fa capire che in giro ci sono tante versioni migliori.

Andrea Aiolfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *