Il conto corrente

Facebookgoogle_plusinstagrammail

L’intenso sviluppo dell’attività bancaria e l’accresciuto livello di cultura economica della popolazione hanno portato a una grande diffusione dei rapporti di conto corrente, oggi utilizzati sia dalle aziende sia dalle famiglie. 

La tecnica più diffusa di conto corrente è quella di conto corrente di corrispondenza, così denominato perché le diverse operazioni sono ordinate o confermate per lettera o con il rilascio di documenti. Il conto corrente è uno strumento tecnico bancario che consente l’utilizzo di moneta bancaria ed elettronica. Esso rientra nei cosiddetti contratti “tipici”; infatti nell’articolo 1823 del codice civile si trova la regolamentazione del conto corrente, con una distinzione fra conto corrente semplice e conto corrente di corrispondenza. Il titolare di un conto corrente semplice può prelevare la somma solo alla scadenza, mentre nel conto corrente di corrispondenza il correntista ha l’esigibilità a vista delle somme in esso depositate. 

L’apertura di un C/C di corrispondenza avviene di solito su iniziativa del cliente, che si presenta alla dipendenza bancaria presso la quale desidera istituire il rapporto. Per l’identificazione del soggetto la banca acquisisce le generalità complete mediante gli estremi di un documento di riconoscimento. Tali dati vengono inseriti in un archivio informatico prescritto dalle disposizioni contro la criminalità organizzata e antiriciclaggio. Viene quindi sottoscritto il contratto che deve indicare i tassi di interesse e le altre condizioni economiche applicate. Contemporaneamente viene depositato su un apposito cartellino (specimen) la firma dell’intestatario, per consentire alla banca di verificare l’autenticità delle firme che verranno tracciate sugli assegni e sugli altri ordini scritti.

Il conto corrente dà alla banca la possibilità di offrire al cliente diversi servizi come:

• carnet di assegni utilizzabili come strumenti di pagamento in base alla “convenzione di assegno”;

• domiciliazione delle utenze (ex RID ora denominato SDD);

• servizio bancomat, anche su circuiti internazionali Visa o MasterCard, pagamento FastPay su caselli autostradali o PagoBancomat su POS.

Trimestralmente o mensilmente la banca invia ai correntisti l’estratto conto, contenente informazioni del saldo liquido disponibile sul conto e un riepilogo dei movimenti effettuati.

Nel conto corrente si ravvisano tre tipi di saldo:

saldo liquido (positivo o negativo): viene determinato ordinando i diversi movimenti in base alla data di valuta assegnata. Tale saldo è molto importante in quanto è utilizzato per il calcolo degli interessi creditori o debitori di pertinenza di uno specifico rapporto di conto;

saldo contabile: si determina ordinando i movimenti in base alla data di contabilizzazione;

saldo disponibile: viene determinato ordinando i movimenti in base alla data di disponibilità.

Il cliente potrà disporre di una determinata somma giacente sul c/c soltanto nel momento in cui si ha la maturazione della disponibilità.

Gli istituti di credito italiani ormai prevedono diverse tipologie di conto corrente, a canone fisso o con il pagamento delle operazioni, registrando una sempre maggiore diffusione dei conti c.d. internet, ossia quei conti correnti, di norma a canone zero o molto basso, che prevedono un’operatività mediante internet. 

Il conto corrente è una forma di risparmio universalmente tutelata dall’intervento statale; la Costituzione italiana prevede che la Repubblica tuteli il risparmio in tutte le sue forme. A giustificazione di questi interventi si considerano i costi sociali in termini di disordine pubblico, povertà e disoccupazione che provocherebbero una corsa agli sportelli, l’interruzione del credito alle imprese e ai cittadini.

Luca Brambilla

Disclaimer
Le informazioni in riportate nel presente documento, sono destinate esclusivamente a scopi di informazione senza alcun impegno. Esse si basano sullo stato della conoscenza delle persone incaricate della stesura al momento della loro elaborazione e possono essere in qualsiasi momento e senza ulteriore preavviso modificate.
È esclusa qualsiasi responsabilità in relazione al presente documento, in particolar modo per quanto riguarda l’attualità, la veridicità o la completezza delle informazioni messe a disposizione ovvero delle fonti, nonché per quanto riguarda l’avverarsi delle previsioni in esso espresse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *