Tanti auguri, Maurizio!

Uno dei più grandi volti della televisione italiana, Maurizio Costanzo, ha compiuto 80 anni il 28 di agosto. Nato a Roma e cresciuto con il sogno di diventare giornalista, Maurizio ha iniziato la sua carriera nel 1956 diventando cronista del quotidiano Paese Sera.

Una vita al servizio del giornalismo ma non solo: sei stato scrittore, critico, direttore artistico di teatri e imprenditore, ma soprattutto inventore dei talk show all’italiana come Bontà Loro o Maurizio Costanzo ShowNon si contano le domande ai tanti personaggi che si sono succeduti nel tuo salotto e che hanno fatto la Storia. Hai avuto una carriera piena di successi, ma mai ti sei davvero accontentato. Nonostante tutto quello che hai fatto, un piccolo rammarico ti è rimasto, come hai detto recentemente in un’intervista, cioè quello di non aver mai intervistato un Papa.

Dagli esordi nel 1956, di strada ne hai fatta e non sembra per nulla che tu ti voglia fermare. Proprio in un intervista rilasciata a “Chi” nei giorni seguenti il tuo compleanno, tu, “Mister Talk Show”, hai confessato di aver la stessa voglia di far televisione di quando eri ragazzino, se possibile ancora con più entusiasmo di prima. 

In tutti questi anni di passione e mestiere, hai sempre speso dolci parole nei confronti della tua compagna di vita, Maria De Filippi, che hai  definito come il regalo più bello che la vita potesse offrirti.  

Sei  stato tu, Maurizio, il regalo più bello per tutti i telespettatori italiani, che hai saputo tenere incollati alla televisione grazie a quel modo unico che hai di interpretare in tutti i tuoi talk show, che fosse “Buona Domenica” o il “Maurizio Costanzo Show”. Hai saputo condurre dibattiti, spettacoli, ci hai fatto commuovere con il tuo ultimo capolavoro, l”Intervista”, dove grazie alla tua infinita dolcezza hai saputo scavare nel cuore dei grandi vip, compreso quello della tua Maria o, per citarne un altro, quello di Francesco Totti.

Non è un caso, caro Maurizio, che tu e Maria siate una delle coppie più amate e rispettate della televisione italiana. Il motivo può sembrare banale, ma non è per nulla scontato. Voi siete persone semplici in un mondo che diventa sempre più complicato. Continuate a portare a casa degli italiani quella genuinità, quella semplicità che ci riesce a distrarre dolcemente da tutto ciò che accade all’esterno per tutta la durata dei vostri programmi.

Maurizio, con il vigore e la tenacia che ti hanno sempre contraddistinto siamo felici, da italiani, che anche quest’anno ci terrai compagnia con il “Costanzo Show”, con “L’Intervista” e con i tuoi interventi su Radio 105.

Come ci sei riuscito tu, caro Maurizio, che hai trasformato quello che prima era un semplice hobby in un vero e proprio lavoro, dobbiamo riuscirsi anche noi giovani. La strada è dura, è complicata. Ma deve essere l’obiettivo di tutti noi che sogniamo di diventare veri giornalisti.

Ancora tanti auguri Maurizio.

Edoardo Perrotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *