Changes: il cambiamento di Justin Bieber

Facebookgoogle_plusinstagrammail

Il giorno di San Valentino, Justin Bieber ha deciso di fare un regalo ai suoi fans, pubblicando il quinto album in studio intitolato Changes. Il cantante canadese si è fatto attendere, dopo essere scomparso dai radar per diverso tempo ha deciso di tornare e l’ha fatto in grande stile. Il 2020 rappresenta l’anno della sua rivincita: dopo un periodo buio, fatto di depressione e problemi fisici, Bieber ha trovato la forza di reagire grazie anche all’aiuto della moglie Hailey Baldwin.

CC2C9E24-FF1C-4F97-A610-EA6FF8D81A12

Essere una pop star di fama mondiale può illudere le persone che la tua vita sia senza problemi, fatta di divertimento e di ricchezza ma così non è. Nel documentario intitolato Seasons, in onda su YouTube, il cantante ripercorre la sua carriera mettendo in mostra le sue debolezze e tutte le difficoltà che ha incontrato nel corso degli anni. Sin da piccolo, Justin è entrato a far parte di un mondo più grande di lui, dove tutti erano pronti a sfruttarlo per il suo talento ed a trattarlo come una macchina da soldi, non come un adolescente. La troppa pressione che sentiva addosso lo ha portato a fare uso di stupefacenti a partire dai 13 anni. Il suo primo pensiero al mattino era quello di drogarsi, gli addetti alla sicurezza hanno dichiarato di averlo trovato diverse volte in fin di vita. Questo periodo di eccessi e di grosse difficoltà è riuscito a superarlo solamente grazie alla fede in Dio ed all’amore nei confronti della moglie; queste sono due delle tematiche principali del nuovo album.    

Changes è composto da 17 tracce che svariano dal pop all’RnB, l’atmosfera intima e sognante che caratterizza Yummy, il lead single dell’album che ha già scalato le classifiche, viene mantenuta nel corso dei 51 minuti dell’album. Questo progetto è molto personale, nonostante ciò Bieber ha deciso di collaborare con artisti di caratura mondiale tra cui spiccano i nomi dei rapper Post Malone, Travis Scott e Quavo. Proprio il featuring con quest’ultimo nella canzone Intentions, è dedicato ad Alexandria House, un rifugio per donne e bambini a Los Angeles, luogo dove ha girato il videoclip in cui parla del difficile passato.

Il 27 luglio 2017 tramite un comunicato Facebook, l’artista canadese aveva annunciato la prematura fine del Purpose World Tour; la troppa fatica accumulata per l’enorme numero di date effettuate (tra cui Bologna e Monza), oltre alla malattia di Lyme, una patologia che lo ha reso spossato e depresso, hanno costretto Bieber a rinunciare a diversi tappe. Per farsi perdonare è già stato annunciato un nuovo tour che lo terrà impegnato da maggio a settembre 2020, 45 spettacoli che si terranno in Nord America.

F387E84F-E6C1-427A-AF66-6146D0B70AB8

Nell’ultimo episodio della serie (intitolato The Dark Season) vengono raccontati alcuni episodi di vandalismo, le risse e le tentate rapine di cui è stato protagonista e che fortunatamente sono ormai un lontano ricordo. Il periodo di pausa che si è preso, il matrimonio e lo stare lontano dai riflettori gli ha permesso di diventare una persona migliore. Nell’intervista di presentazione del disco tenutasi a Londra, Justin ha parlato della sua nuova visione della vita dichiarando:

Tutti noi incontriamo difficoltà. Lo nascondiamo e siamo anche bravi a farlo, ma sotto sotto tutti abbiamo momenti difficili. Ricordatevi, non siete soli.

Nicolò Martignoni 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *